I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

SOS: serve investire in educazione

Le carenze educative non sono più solo un fatto culturale ma diventano ogni giorno di più problema di ordine pubblico


SOS: serve investire in educazione

Articolo a cura di monsignor Vincenzo Bertolone, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace e presidente della Conferenza Episcopale Calabra
tratto da zenit.it del 06/2017

«Il miglior investimento? Probabilmente l’educazione. Il miglior investimento infatti è mettere i soldi nel cervello dei figli, nello sviluppo della loro intelligenza, della loro capacità di essere creativi, competenti, adatti al mondo nuovo che si sta aprendo».

Se gli adulti seguissero il consiglio di Piero Angela e investissero qualche soldo in più in educazione, meno sangue e meno lacrime bagnerebbero le nostre strade. Perché ormai di questo si tratta: le carenze educative non sono più solo un fatto culturale – e già la questione sarebbe assai grave e delicata – ma diventano ogni giorno di più problema di ordine pubblico, di osservanza dei più banali principi della convivenza civile, addirittura di sopravvivenza. A Mileto, ad esempio, un quindicenne ha ucciso un coetaneo a colpi di pistola per un commento sgradito sotto una foto pubblicata su facebook. A Reggio Calabria, pochi giorni prima, un giovane pregiudicato aveva ridotto in fin di vita un anziano sacerdote a calci ed a pugni perché aveva osato sgridare lui ed i suoi compagni che giocavano a pallone (a mezzanotte!) davanti alla canonica, urlando e schiamazzando. Ergo: doveva avere una bella lezione.

A parte i singoli episodi, in generale è opportuna, anzi doverosa una riflessione sulla qualità e l’efficacia dell’educazione che le famiglie impartiscono ai figli. Questione non privata e confinata tra le mura domestiche, ma assolutamente di rilevanza pubblica e sociale: il rischio evidente è che la carenza educativa faccia saltare gli equilibri della convivenza e quel che resta (poco!) dell’osservanza delle regole, schiudendo le porte ad un’ordalia di egoismi e prevaricazioni difficile – se non impossibile – da arginare.

Educare è cosa del cuore. Le parole, pur importanti, servono fino a un certo punto. Si educa anzitutto con l’esempio. Dovere di ogni adulto è aiutare i bambini a gestire le emozioni, gli istinti, le sofferenze, il tempo libero, prendendoli per mano fino alla strada giusta, l’unica idonea a renderli felici, sereni, realizzati. Ma ciò accade in pochi casi, giacché i genitori, in genere, non colloquiano più con i figli. È proprio in ciò che essi hanno gravi responsabilità che si sommano alle disattenzioni delle politiche di governo in tema di formazione. E c’è, poi, anche un’altra causa, definita sindrome di Peter Pan, per la quale i genitori rifuggono dell’impersonare il ruolo di educatori, finendo per trasformarsi in coetanei dei figli. E ci sono poi i genitori-sindacalisti, convinti – vestendo i panni di difensori d’ufficio – di poterli difendere dalle insidie (magari inesistenti o presunte), ignorando (spesso volutamente) i pericoli concreti la prole.

Occorrono soluzioni. Sebbene insufficiente, sarebbe un buon inizio quantomeno evitare il ricorso alla retorica, utilizzata quale ennesima attenuante: il mondo va così, adeguarsi è d’obbligo. Ma non è così, non può essere così: la “rete” va sorvegliata. Per chi ritiene che gli uomini siano cattivi perché ad esser cattivi sarebbero i tempi, una risposta c’è. L’ha data secoli fa sant’Agostino: «Vivano bene, gli uomini, ed i tempi saranno buoni. Noi siamo i tempi».



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento