I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Semi di Vangelo


Gesù disse ai suoi discepoli: «Fino a oggi il regno di Dio incontra opposizione perché i violenti vi si oppongono».

Mt, 11,12

Anche se ci sono persone accanto a te che impediscono a Dio di venire in tuo aiuto, Dio ti è sempre vicino. Per quanto esse cerchino di frapporsi tra te e il Dio della tua gioia, sei sempre tu l'innamorato del suo cuore.
Tu lo hai capito, hai compreso il segreto del cuore di Dio e, proprio perché ti senti piccolo di fronte a lui, sai che questa è la tua grandezza di fronte ai violenti che ti circondano.
La tua vera grandezza è la piccolezza del Vangelo e grazie ad esso hai compreso anche che la tua salvezza non sta nell’affannarti a conquistare Dio ma nel lasciarti sedurre e conquistare da lui.
La tua volontà di accogliere Gesù parte dal profondo desiderio che sia lui a salvarti dal baratro del nulla. Gesù ha fatto tutto per te e da “niente” ti fa essere “qualcuno di speciale” per lui. Questo è amore!