I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Lavoriamo sulle nostre pietre preziose

Riflessione-stimolo da parte del Gruppo Separati, Divorziati e Nuove Unioni di Lucrezia


Lavoriamo sulle nostre pietre preziose

Ho letto la scorsa settimana un articolo pubblicato sulla pagina Facebook della Parrocchia di Lucrezia dal titolo L'ABC per Separati e Divorziati, (vedi qui) riguardante un percorso spirituale sperimentato da una Comunità di Bergamo, che segue appunto queste persone.

La curiosità nella lettura mi ha portato a vedere se, le Tappe che il percorso proponeva, erano simili, fonte di riflessione o innovazione per il nostro Gruppo di Separati, Divorziati e Nuove unioni, che ormai da anni, da fiume in secca, è diventato fonte di vita nella Parrocchia.

Sapere che altre Comunità parrocchiali sono attente a queste problematiche e si mettono in gioco per affrontarle, ci fa capire che siamo sulla buona strada; non Oasi nel deserto ma appartenenti all'infinità del Firmamento.

Alcune riflessioni legate alle Tappe proposte dal percorso spirituale sperimentato dalla Comunità di Bergamo.

2° Tappa : La consulenza per la nullità

Importante per chi la richiede. Ma..., vogliamo essere accompagnati anche se non scegliamo questa strada; non fosse altro perchè nel matrimonio molti hanno sperato, sognato, creduto, dato la vita ai propri figli. Dichiararlo nullo può essere vissuto come “non avere vissuto”. Un colpo basso per chi, da un'esperienza traumatica, vuol salvare qualche pietra preziosa.

4° Tappa : Itinerari di Gruppo.

Il nostro fiore all'occhiello. Nel nostro gruppo vogliamo scegliere se rimanere fedeli al vincolo matrimoniale o meno. Siamo usciti da una relazione, non dalla vita... ed essa per fortuna ci incoraggia ad Amare, scegliendo il modo giusto per noi.

Vorrei aggiungere con emozione e con una punta di orgoglio che “le Giare“ di Lucrezia, il nome del nostro Gruppo Separati e Divorziati, da anni lavorano in armonia con ciò che è scritto nell'”Amoris laetitia”, laddove ”i divorzati e risposati civilmente... appartengono al corpo di Cristo che è la Chiesa... come una madre che li accoglie sempre... e li incoraggia nel cammino della vita e del Vangelo" (AL n. 299).

Nell'articolo non ho trovato citate, non so se per distrazione o per scelta le “nuove unioni “ che sono invece parte integrante, già nel titolo, del nostro gruppo.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate. Un abbraccio

Paola



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento