I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Taizé: una fonte da cui ripartire!

I giovani della nostra Parrocchia alla settimana speciale per giovani da 18-35


Taizé: una fonte da cui ripartire!

Anche quest'anno dodici giovani della nostra parrocchia si sono recati nella comunità di Taizé, in Francia, per vivere una settimana in comunione e cooperazione con altri giovani, loro coetanei, provenienti da tutto il mondo.

Chi per un motivo e chi per un altro hanno deciso di vivere questa esperienza all'insegna della diversità che diventa unione e fratellanza.

Questo luogo infatti, che potremmo definire magico, accoglie ogni anno cristiani cattolici, protestanti, evangelici ecc... Cristiani tutti diversi l'uno dall'altro; ma la comunità riesce a farli vivere in comunione mettendo al centro l'unica cosa che accomuna ciascuna persona: Gesù. È proprio questo il bello, partire da ciò che divide per costruire insieme ciò che unisce, ovvero: l'Amore di Dio.
Lo stesso Papa Giovanni II, in visita a Taizé ha definito questo luogo una "fonte"; una fonte in cui il viaggiatore si ferma, si disseta e continua il suo cammino.

Il compito infatti di chi passa a Taizé è riprendere fiato dalla frenesia della vita di tutti i giorni, risollevarsi, scoprire o riscoprire un senso alla propria vita... ma non può, e non deve, finire qui. Una volta tornati a casa non si può tornare ad essere gli stessi di quando si è partiti. È necessario infatti tornare e condividere; diventando portatori di Semplicità, Amore e Pace.

                                                                                                                                                          Ginevra

 

Riprende da Settembre l'appuntamento mensile con la Preghiera di Taizé, nella nostra parrocchia: Venerdì 1 Settembre alle ore 21:00 nella Cripta Emmaus a Lucrezia.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento