I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Quante porte per un solo Giubileo!

"Varcate con gioia le porte della vita"!


Quante porte per un solo Giubileo!

Anche nella nostra bella Diocesi di Fano domani pomeriggio ci sarà la celebrazione di apertura del Giubileo della Misericordia, indetto alcuni mesi fa da papa Francesco, e per noi tutto da vivere secondo le indicazioni riportate nel manifesto esposto nella bacheca della nostra Parrocchia.

Un tempo importante quello del Giubileo, quasi scontato per la sua solennità. Un tempo del tutto originale se alle porte che si aprono in avanti si è poi capaci di chiudere altre porte, quelle da lasciare alle proprie spalle. Del resto, fin dalla sua costituzione nell'anno 1300 con papa Bonifacio VIII, ogni celebrazione del Giubileo comporta sempre un anno di impegno e di rinnovamento radicale, da vivere tutti all'insegna dello spirito del Vangelo. Il Giubileo è questione non di fasti, ma movimento di Chiesa, così come itinerario di singoli discepoli e discepole del Risorto.

Come comunità parrocchiale avremo certo modo di non perdere i vari appuntamenti parrocchiali, diocesani e di Roma, cercando di vivere soprattutto in prima persona l'invito del Pontefice, e del nostro Vescovo, a varcare le tante soglie che ci attendono da tempo: la porta della miserciordia, ma anche quella della verità; la porta del rinnovamento, ma anche quella della fedeltà al Vangelo; la porta della radicalità, ma anche quella della fraternità in Cristo, Figlio dell'Uomo, perché Figlio di Dio.

Una informazione personale che mi permetto di condividere qui con tutti. Con viva sorpresa ed emozione particolare martedì 15. al mattino, con un mio momento di meditazione spirituale, accompagnerò i 60 Corsisti della Prima e della Seconda edizione del Master in "Pastoral Management" della Pontificia Università Lateranense nel loro attraversamento della Porta Santa nella Basilica di San Giovanni in Laterano. Un onore certo per me che, pur nel mio piccolo, voglio però condividere spiritualmente con tutti voi parrocchiani e ad onore dei tanti sacerdoti amici della nostra Diocesi.

Se il Giubileo è per tutti, ebbene, tutti si sentano signori di questo tempo di grazia, così come il vescovo Ambrogio aveva spiegato un giorno nel suo Commento spirituale al Libro della Genesi: «Al termine della creazione Dio si riposò, non perché stanco del suo lavoro, ma per avere un tempo per cercare lo sguardo della più bella tra le sue creature e usare sull'uomo e sulla donna la dolcezza del suo amore misericordioso».

Senza, dunque, paura di abbassare lo sguardo, rivolgiamo i nostri occhi a Dio, per leggere i suoi e quanto amore in essi ci è donato nell'esperienza della nostra fede di Chiesa dell'amore.

In questo Giubileo come stella sul cammino di fede di ciascuno splenda la luce di Maria, vergine del cuore misericordoso di Dio.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento