I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

La Parola è un dono. L'altro è un dono.

Ritiro Comunitario di Quaresima 2017


La Parola è un dono. Laltro è un dono.

Domenica cinque marzo in occasione del ritiro parrocchiale comunitario di Quaresima, aiutati nella riflessione dal responsabile diocesano giovani di Azione Cattolica, Matteo Itri, ci siamo confrontati sul messaggio di papa Francesco "La Parola è un dono, l'altro è un dono".

E un dono è stata anche l'opportunità di vivere questo pomeriggio in maniera comunitaria, giovani, adulti, anziani e la grande partecipazione attiva di tutti.

Facendo riferimento alla parabola dell'uomo ricco e del povero Lazzaro, ci siamo soffermati su come ognuno di noi deve mettersi al riparo da ogni tentativo di diventare moralmente come il ricco che, prigioniero della sua vanità e superbia, non vede altro che se stesso incurante di Lazzaro affamato e piagato. Questa ricchezza porta il ricco a non prestare più ascolto alla parola di Dio, a non amare più Dio e quindi chiudere il cuore sia alla parola del Vangelo e, soprattutto, chiudere il cuore al dono del prossimo.

La conclusione di questo breve incontro è stata quella di esortare noi stessi a non diventare "ricchi", a non considerare il prossimo come un fardello, ma aprire le porte del cuore per poter riconoscere il volto di Dio in tutti quelli che ci sono intorno.

Ci auguriamo, e auguriamo a tutti, che questa esortazione sia stata fatta propria da ogni partecipante e che, a sua volta, questo abbia invitato altri a fare lo stesso.

Il consiglio parrocchiale di Azione Cattolica



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento