I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

La natura è ritmo, il respiro è di Dio

Alla ricerca dell'Uomo interiore (1)


La natura è ritmo, il respiro è di Dio

Riprende il cammino 2015 del Gruppo Separati, Divorziati e Nuove unioni della nostra Comunità parrocchiale

 

Domenica 27 settembre alle ore 16:00 si è rimesso in movimento il cammino per persone separate, divorziate e nuove unioni presso il Convento di San Francesco in Rovereto, per riprendere i contatti e per stabilire il programma di lavoro per l’anno 2015-2016.

Come ogni anno il gruppo si riunisce mensilmente per affrontare i problemi che ogni membro vive nell’ambito della famiglia e della società. Ci riuniamo in parrocchia a Lucrezia e don Sergio ci ascolta, ci sostiene e ci aiuta nell’inserimento a pieno titolo nella vita parrocchiale: ci occupiamo della Caritas, del catechismo ai bambini e di quant’altro serve per il bene di tutti. Ora il gruppo si arricchisce di nuove energie da quando il nostro papa Francesco ha rivolto il suo sguardo misericordioso verso questa categoria di cristiani, finora un po’ relegata in un angolo delle Chiese…

L’ultima enciclica pontificia LAUDATO SI’ ci offre lo spunto e l’obiettivo per affrontare l’attività che ci siamo proposti per quest’anno e che possiamo così riassumere: “Conoscere sé stessi per comprendere gli altri e relazionarsi con gli esseri umani e con il creato”. Come conoscere se stessi? Ci viene in aiuto Claudia, del nostro gruppo, che propone degli esercizi di rilassamento, che già rappresentano un modo per avvicinarsi alla preghiera.

Il primo approccio con il sé è il respiro… Respiro è vita. Attraverso le due fasi dell’inspirazione e dell’espirazione prendiamo consapevolezza del nostro corpo e del nostro essere vita, grazie al respiro. È il primo passo per conseguire un rilassamento che allontani da noi pensieri fastidiosi.

Abbiamo letto alcuni passi dell’enciclica LAUDATO SI’ per entrare nel vivo del messaggio del Papa e per avere materia di riflessione per la successiva tappa dedicata ad una camminata in mezzo al verde, con lo scopo di osservare e ricercare il ruolo del Creato nella nostra vita. Attraverso l’osservazione silenziosa della natura che ci circondava e in cui eravamo immersi, abbiamo potuto cogliere stretti collegamenti con il nostro pensiero. Sembrava che gli alberi, i fiori, una lepre che fuggiva dalla presenza di cani e di un cacciatore, ci suggerissero spunti di riflessione che riguardavano i nostri rapporti umani e la nostra vita.

Abbiamo potuto comprendere come la natura ci parla e, se l’ascoltiamo in rispettoso silenzio, possiamo cogliere in essa il pensiero divino. Dio ci parla attraverso il cielo, gli alberi e tutto il Creato. Dobbiamo imparare a leggere e ad ascoltare.

La serata si è conclusa con un piacevolissimo momento di fraternità. Al nostro gruppo si sono aggiunte le dolci suore che ci hanno ospitato e naturalmente era presente l’immancabile don Sergio. Qualcuno aveva provveduto a portare spaghetti e salsicce, leccornie varie, dolci. Abbiamo avuto l’onore di essere serviti da giovanissimi ragazzi e ragazze che hanno svolto il loro compito in maniera seria e responsabile, colorando e rallegrando ulteriormente l’atmosfera.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento