I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Il diritto a disconnettersi

Come recuperare le persone perse per troppo social network


Il diritto a disconnettersi

articolo a cura di José Tolentino Mendonça
tratto da avvenitre.it di 03/2017

A forza di essere connessi, con una disponibilità indistinta e senza orari, finiamo per disconnetterci dalle persone che più amiamo e per perdere la connessione anche con noi stessi. Ecco il risultato: siamo più vicini agli sconosciuti e più sconosciuti a chi ci è vicino

Sono molti gli atteggiamenti che possiamo adottare per diminuire salutarmente il nostro grado di iperconnessione alla rete, riconquistando spazi di qualità, di pensiero e riflessione, di governo di sé, di condivisione con gli altri o di necessario riposo.

Il primo atteggiamento, in ogni caso, è affermare il diritto a disconnettersi. Solo questo farà indietreggiare la sindrome della "iperconnettività" che ci condiziona tutti, a prescindere dalle età e dai contesti: messaggio chiama messaggio, e con un'urgenza che si sovrappone a tutto; i genitori si occupano con maggior frequenza del telefonino che dei figli piccoli in casa con loro; gli amici non riescono a dirsi l'un l'altro "ti sono amico, ma non risponderò a tutti i tuoi WhatsApp"; i morosi non sanno amarsi senza la mediazione dei social network; si spreca tempo prezioso a rispondere, replicare, ribattere con sciocchezze a monosillabi, nutrendo l'illusione che davanti a un display non si è mai soli. Invece lì siamo solitari più spesso di quanto non crediamo.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento