I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

#guardiamocintorno

3 GiornInvernale per i Cresimandi 2016


#guardiamocintorno

Anche noi, eroi tutti i giorni per costruire la pace. È iniziata questo pomeriggio la 3 GiornInvernale per il gruppo dei Cresimandi 2016 nel Monastero di Fonte Avellana, giorni di riflessione e di condivisione in questo tempo di Avvento in preparazione al Natale.

Tema oggi più che mai attuale fa da filo conduttore in queste giornate. I catechisti hanno infatti invitato i ragazzi a lavorare sul tema della Pace, dopo essere stati introdotti ed aver preso coscienza della situazione attuale che circonda la nostra quotidianità !
Una guerra di relazioni, una guerra tra popoli, una guerra di dialogo che ci invita oggi a riflettere su come ciascuno di noi deve porsi di fronte al male che vede e si trova tutti i giorni davanti agli occhi, aprendo un giornale o accendendo la televisione.

Ma noi cristiani? Come dobbiamo reagire di fronte a tutto questo? Passata la rabbia e l'indignazione come dobbiamo porci difronte al male? Questi i punti interrogativi che hanno suscitato nei ragazzi la voglia e il desiderio di farsi altre domande ancora e cercare le risposte di Vangelo. Idee, punti di vista, posizioni e modi di vedere le cose e le situazioni diverse, esperienze personali e racconti di vita quotidiana ci aiutato a metterci all'ascolto dell'altro per condividere ciò che di più bello l'uno può donare a chi gli sta accanto.

Ascolto e dialogo, valori e amore, questi gli atteggiamenti che ci contraddistinguono come cristiani e ci fanno lottare per quello in cui crediamo. Non è facile, lo sappiamo, ma il metterci in discussione e iniziare un cammino alla scoperta della pace per poter contribuire alla realizzazione di questa ci fa certamente sentire degli eroi nel nostro tempo.

Gesù, a Natale torna tra noi, ma non torna solo per noi, torna per tutta l'intera umanità ed è proprio papa Francesco che ci invita a guardare al dolore dei nostri fratelli, e a non aggiungere loro altro dolore; ci esorta a fermare le nostre mani per ricostruire l’armonia che si è spezzata; e questo non con lo scontro, ma con l’incontro!

Deve finire il rumore delle armi perché la guerra segna sempre il fallimento della pace, ed è sempre una sconfitta per l’umanità.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento