I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Educare lo sguardo: dalla bellezza al Bellissimo

Ritiro di Avvento dei Giovani 97 a Pietrarubbia


Educare lo sguardo: dalla bellezza al Bellissimo

A conclusione del percorso di incontri incentrato sulla figura di Maria e su come l'animo femminile affronta l'amore, la vita e il mondo, il gruppo Giovani 97 ha scelto di vivere la propria giornata di ritiro nel Tempo di Avvento presso il Monastero di San Lazzaro e Santa Maria Maddalena a Pietrarubbia, nel cuore del Montefeltro.

Qui, animatori e giovan insieme, ci siamo fatti guidare dalla spiegazione suggestiva di Sr. Maria Gloria Riva, in un affascinante susseguirsi di proiezioni di opere d'arte di diversi scultori. Proprio attraverso la descrizione approfondita ed appassionante della bellezza dell'arte Sr. Gloria è riuscita  a educare il nostro sguardo e a trasportarlo dalla bellezza al Bellissimo che è Cristo. Siamo rimasti tutti molto colpiti dal modo in cui da subito siamo stati avvicinati a certi concetti di fede profonda che hanno toccato in maniera concreta e attuale i nostri vissuti. Partendo dalla vera e propria opera di Dio, che sono l'uomo e la donna nella creazione, e dopo aver affrontato il tema dell'unione tra i due, come luogo in cui si insegna l'amore, ci siamo soffermati su come la donna sia origine della vita (accoglienza) ma anche il ponte di comunione verso Dio (capacità di far passare l'altro così com'è).

Sempre mantenendo il dialogo tra la forma dei corpi ed il significato dei contenuti che trasmettono, si è poi passati alle caratteristiche biologiche dei due e alla missione educativa della famiglia, vera cattedrale dell'Amore. Il centro dell'esperienza di questa giornata è stata infine la celebrazione dell'Eucarestia nella Chiesa intitolata alla Beata Vergine del Faggio in Carpegna, dove abbiamo avuto, insieme come gruppo, la possibilità di sperimentare una comunione più intima tra noi e con Gesù.

 

Grazie ragazzi.

I vostri Animatori.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento