I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Disegna il tuo futuro!!!

Secondo incontro del Gruppo Ragazzi di 3ª media


Disegna il tuo futuro!!!

Ieri sera i ragazzi di Terza media si sono visti, come ogni mercoledì, per il loro secondo incontro del cammino catechistico. L'obiettivo della serata era rendersi conto che la nostra storia è una continua iniziativa di Dio, ispirandosi alla lettura di Geremia 1,4-10.

Oltre ad aver esposto i propri pensieri riguardo a ciò, i ragazzi hanno svolto un'attività semplice ma suggestiva, in cui la nostra vita è stata paragonata ad un racconto. Dunque la matita, mezzo per scrivere tale racconto, è Dio che ci aiuta a scrivere la nostra storia e il nostro futuro, come Lui ci vede da grandi: ai ragazzi ne è stata regalata una con scritto "Disegna il tuo futuro" e insieme a questa un piccolo quadernino con copertina in cartoncino. Quest'ultima rappresenta cosa GLI ALTRI pensano di noi e su di essa ogni ragazzo ha scritto il proprio nome.

Successivamente i ragazzi si sono passati i quadernini e ognuno ha scritto un aggettivo positivo vicino al nome dell'amico, finchè tutti hanno scritto da tutti. Questo gesto stava a simboleggiare ciò che gli altri vedono di noi e ciò che percepiscono di noi. Questo momento ha aiutato molto i ragazzi per capire ciò che traspare di loro stessi. Gli aggettivi sono rimasti anonimi, ma alla fine tutti hanno ricevuto qualcosa di positivo da tutti.

Infine, nelle pagine interne del quadernino, ossia le pagine vuote che rappresentavano i ragazzi, ognuno di loro ha scritto il suo sogno, il suo obbiettivo, la sua aspiegazione che vorrebbe raggiungere con l'aiuto di Gesù.

Il quadernino e la matita, ovviamente, sono rimasti ai ragazzi come ricordo dell'intensa serata, con la sicurezza di aver lasciato un messaggio molto importante ad ognuno di essi ossia: ciascuno di noi ha delle doti donate da Dio per realizzare il proprio futuro.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento