I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Servire la Comunità


Servire o servirsi della Comunità cristiana? La differenza è abissale! Alcune persone vivono la loro esperienza di Chiesa, in concreto di Parrocchia, nella permanente illusione di ritenersi sempre nel giusto. Questa illusoria certezza di non sbagliare mai, o poco, è la tentazione di tutti e molti misurano la fede e la vita spirituale degli altri alla luce del proprio metro di misura.
Credere di essere nella vita della propria Comunità parrocchiale degli operatori pastorali utili, indispensabili, chiavi portanti di chissà quale volta di parabola di Vangelo, è qualcosa di pericoloso e di anti-evangelico.
Ai suoi discepoli, quelli di un tempo così come quelli di tutti i tempi, Gesù insegna che chi realmente opera all'interno della sua Chiesa è lo Spirito; chi smuove l'impossibile e apre nuove strade nel deserto dell'umanità è sempre lo Spirito; chi, infine, suscita i carismi, i cosiddetti talenti personali, la generosità, la solidarietà, l'oblatività affettiva tra le persone della stessa Comunità parrocchiale è ad ogni istante lo Spirito.
Se non si passa attraverso l'esperienza della passione, della morte e della risurrezione dell'Uomo di Nazareth, di Gesù il Cristo, non può nascere e non può mai cresce a giusta misura la Comunità dei figli della Luce!
Ogni servizio nella Chiesa, in particolare nella e per la propria Comunità parrocchiale, nasce dall'accoglienza in Sè della forza e della luce della risurrezione di Gesù, doni e potenze queste di vita che costruiscono incrollabili esperienze di Vangelo e di anticipato regno di Dio già su questa terra.
Nella Chiesa, dunque, servire equivale a vivere a piccole dosi il martirio della comunione, così come Gesù lo ha vissuto all'interno della sua esperienza religiosa, fino a traghettare gioiosamente i suoi seguaci oltre ogni limite imposto dal compromesso umano, sempre verso la casa del Padre.


LA PAROLA

«E il padrone gli disse: "Bene, sei un servo bravo e fedele! Sei stato fedele in cose da poco, ti affiderò cose più importanti. Vieni a partecipare alla gioia del tuo signore!"».

 

[Mt 25,23]

 

IL TESTIMONE

«Andate, senza paura, per servire. Seguendo queste tre parole sperimenterete che chi evangelizza è evangelizzato, chi trasmette la gioia della fede, riceve più gioia».

 

[papa Francesco]

 

 


Chiavi collegate


TEAM PASTORALE

Un saluto con il cuore colmo di gratitudine

Un saluto con il cuore colmo di gratitudine

Sabato 19 Agosto, durante una messa gremita di fedeli alle ore 18:00, l’intera Comunità di Lucrezia ha salutato don Sergio Carettoni, il nostro parroco che torna in Svizzera, dopo quasi 8 anni di permanenza nella Parrocchia di San Apollinare. E’ stato un saluto sobrio ma molto sen...

Continua a leggere

TEAM PASTORALE

Grazie a tutti voi!

Grazie a tutti voi!

Lucrezia, 4 novembre 2015 25mo Anniversario di diaconato Quante volte in tutti questi anni mi sono chiesto “perché proprio io?”, “perché proprio me Signore, così restio a mettere in mostra, così schivo?”. Quante volte mi sono riempito di tut...

Continua a leggere

TEAM PASTORALE

Amare per Servire

Amare per Servire

Mercoledì 4 novembre, nel giorno in cui ricorre la memoria liturgica di San Carlo Borromeo, la nostra parrocchia, insieme a tutta la Diocesi riunita intorno al Vescovo Armando, al collegio presbiterale e diaconale, ha celebrato il 25esimo anniversario di ordinazione diaconale di Vittorio Vamp...

Continua a leggere