I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

In una notte come tante


In una notte come tante,
in una città qualunque,
per una strada un po' isolata
un pastore torna a casa,
il pastore guarda avanti
e per il freddo stringe i denti,
già si immagina il ristoro
dopo un giorno di lavoro.
Ma nell'aria c'è qualcosa che lo abbraccia,
e ad un tratto, una voce nella testa.
In questa notte come tante,
questo mondo cambia rotta
nasce Dio, bambino in una grotta.

Ad un tratto quel posto si riempie di persone,
tutti vanno a quella grotta
come fosse ad un altare,
e Giuseppe non capisce
cosa accade nella via,
ma poi incontra la dolcezza
dello sguardo di Maria,
che come sempre ha capito già ogni cosa,
ed assiste alla scena silenziosa.
In questa notte come tante,
oggi il mondo cambia rotta,
nasce Dio, bambino in una grotta.

Come brezza leggera,
che accarezza l'anima,
vieni Bambino in questa fredda città,
tra la povera gente e anche tu
non hai niente,
ma il tuo amore resterà per sempre.

In una notte come tante,
in una città qualunque
c'è chi adesso torna a casa
e chi aspetta in una Chiesa,
c'è qualcuno che usa ancora la violenza
e chi cerca ormai deluso una speranza.
Ma tu vieni e prova ancora
a cambiare questa rotta,
nasci qui, bambino, in questa grotta.

Come brezza leggera,
che accarezza l'anima,
vieni indifeso in questa fredda città,
tra la povera gente
e anche tu non hai niente,
ma il tuo amore arriverà…
Come brezza leggera,
che accarezza l'anima,
vieni Bambino in questa piccola città,
tra la povera gente
e anche tu non hai niente,
ma il tuo amore resterà per sempre.

Condividi


Momenti liturgici
Offertorio - Varie - Ringraziamento
Tempi liturgici
Natale