I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Guariscimi abbà


O amore inestimabile,
Parola viva, dolce Verità,
tu che dimori nel mio cielo,
misericordia, divina Bontà.
Dio immutabile
che dai vita all’anima
infiammami della Carità.
Assetato come un cervo all’acqua
io anelo a te.
Giorno e notte ti ho cercato urlando:
“Amore dove sei?”
Nel petto il cuore mio
si strugge nell’aridità
Deserto intorno a me... dove sei?

Abbà...
Perdonami, Abbà,
apri le tue braccia
ed io verrò da te.
Abbà, eterno Padre sei, parlami
ed io rinascerò,
Guariscimi, Abbà,
tendi le tue braccia
e non lasciarmi più.
Abbà, eterno amore tu,
salvami ed io rinascerò, Abbà.

Sono il Dio della tua gioia,
il tuo riposo sia lodare me.
Curerò le tue ferite,
la tua bellezza ti ridonerò,
immutabile è l’amore che ho per te,
Tu seguimi nella verità,
le tue lacrime fra le mie mani io raccoglierò.
Giorno e notte ti ho aspettato ed ora
che ritorni a me
io ti custodirò, sciogliendo ogni schiavitù.
Col cuore aperto tu mi dirai....

Abbà...
Perdonami...

Condividi


Autore
Comunità Gesù Risorto
Momenti liturgici
Ingresso - Atto penitenziale - Comunione - Finale
Tempi liturgici
Tempo ordinario - Quaresima