I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Come un fiume


Come un fiume in piena
che la sabbia non può arrestare
come l'onda che dal mare
si distende sulla riva
ti preghiamo Padre
che così si sciolga
il nostro amore
e l'amore dove arriva
sciolga il dubbio e la paura.

Come un pesce che risale a nuoto
fino alla sorgente
va a scoprire dove nasce
e si diffonde la sua vita
ti preghiamo Padre
che noi risaliamo la corrente
fino ad arrivare alla vita nell'amore.

Come l'erba che germoglia
cresce senza far rumore
ama il giorno della pioggia si
addormenta sotto il sole
ti preghiamo Padre che così in un
giorno di silenzio
anche in noi germogli questa vita nell'amore.

Come un albero che affonda
le radici nella terra
e su quella terra un uomo
costruisce la sua casa
ti preghiamo Padre buono
di portarci alla tua casa
dove vivere una vita piena nell'amore.

Condividi


Autore
D. Preti, P. Paci
Momenti liturgici
Comunione - Varie
Tempi liturgici
Tempo ordinario