I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Buon Viaggio Giovani 2001 !

Tu dì che sei Nessuno ma resta sempre Ulisse.


Buon Viaggio Giovani 2001 !

Sintonia perfetta, emozioni vere, sguardi profondi e parole dritte al cuore, gesti di pace, abbracci stretti, Gesù che parla al cuore di tutti, nessuno escluso.
È stata questa l'esperienza che hanno vissuto i ragazzi e i catechisti al termine di un lungo cammino conclusosi con il Campo Scuola Estivo 2016.

Tu dì che che sei Nessuno ma resta sempre Ulisse.
Lo slogan di questo CampoScuola ci chiama oggi più che mai, in questa epoca, nella nostra storia ci chiama ad essere noi stessi fino in fondo.
Dentro ciascuno di noi, sotto la nostra pelle, dentro i nostri cuori c'è una ricchezza di doni che ci fanno prendere il volo e ci devono spronare a trovare la bellezza là dove sembra essere nascosta.
Noi siamo unici, noi siamo i protagonisti, noi siamo chiamati a contribuire con il nostro bagaglio personale, di vita e di fede, nella storia degli uomini.
Per astuzia, per proteggerci, per non farci fare del male, per non soffrire ci capita di nasconderci dietro una maschera e non capire bene chi siamo, cambiamo nome, agli altri, appariamo come non siamo realmente ma come vogliamo far credere di essere.
Conoscersi, volersi bene e sapersi amare. Ciascuno di noi deve fare di se stesso tutto questo. Da ognuno di noi deve sgorgare e zampillare quella gioia contagiosa, quella gioia che nasce dall'incontro vero con Gesù e con gli amici veri, quelli che ci riempiono gli occhi di gioia profonda.

Siamo partiti, abbiamo viaggiato insieme, raggiunta la meta è arrivato però il momento di ripartire.
Eravamo partiti quattro anni fa, eravamo partiti con tanti obiettivi, con energia e carica, con la grinta di chi ha voglia di essere protagonista, con il desiderio reciproco di crescere e maturare insieme. Abbiamo viaggiato, aggiungendo di volta in volta al nostro bagaglio, esperienze intense, scoprendo e apprezzando i valori più profondi della vita.
Gesù, la condivisione e l'amicizia sono stati sicuramente i tre pilastri fondamentali di questo viaggio, pilastri che abbiamo sempre custodito con cura.
Arrivare alla meta è stato bellissimo, arrivare alla meta, tanto desiderata è stata la prova che tutti ci abbiamo creduto davvero.
Ed ora è arrivato il momento di ripartire, con un po di malinconia e tristezza nel cuore, ma con una grande gioia e una conquista ancora più grande, quella di avere, adesso, nella propria vita, 73 Amici nella fede.

Buon Viaggio Giovani 2001 !



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento