I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Dio e l’uomo parlano tra loro con parole e gesti, per raccontarsi l’un l’altro quanto palpita dentro di loro e per costruire ponti di comunione. Nella regola dell’ascolto avviene l’arte dell’incontro tra menti e cuori di mondi infiniti.

Quando le stagioni della vita personale sono attraversate da Dio ha inizio la festa della terra con il cielo. Celebrare è questione di fede, quando ciascuno rende gloria per la bellezza dell’altro: l’uomo a Dio e Dio all’uomo.

La fedeltà a Dio e all’uomo si gioca nella capacità di servire entrambi per amore. Nel gesto del servire sono le parole e il sorriso a rivelare la verità dei cuori e, ancor di più, l’amore senza limiti per la gioia e per la vita degli altri.

Bella storia!

Siamo stati, ma anche saremo!!


Bella storia!

Domenica 15 gennaio,si è riunita l’assemblea parrocchiale dell’Azione Cattolica presieduta da Laura Giombetti, consigliere diocesano. 

Tema della giornata: “Rallegratevi ed esultate”. Quest’anno poi è anche un anno particolarmente gioioso in quanto ricorre il  150° anniversario della storia dell’ Associazione. Il 2017 sarà quindi un anno dove verrà prestata attenzione alla storia, quindi al passato, ma con un occhio al presente e al futuro.

Come avviene ogni tre anni, la nostra associazione parrocchiale  si è rinnovata nelle sue cariche oltre che nell’adesione.

Abbiamo iniziato il percorso assembleare incontrandoci domenica 8 gennaio per dirci ancora chi siamo e chi vorremmo essere. In questa sede, abbiamo confermato di voler vivere attraverso l’AC il nostro Sì all’impegno per la Chiesa e nel servizio ai fratelli. Un secondo appuntamento lo abbiamo vissuto giovedì 12 gennaio,  in un momento interamente dedicato alla preghiera. Guidati da don Sergio, nostro assistente, abbiamo pregato insieme per affidare al Signore il nostro impegno ad essere testimoni e costruttori di beatitudine nella nostra vita e in quella degli altri.

Infine domenica 15 abbiamo vissuto il nostro momento assembleare. In un clima di bella fraternità abbiamo parlato di Chiesa e della nostra chiesa. Laura Giombetti ci ha aiutati in questo facendoci riflettere su diversi punti.

Tra questi la storia dell’AC e delle persone che ne hanno fatto parte dal livello locale a quello nazionale ed internazionale. Le responsabilità condivise nel tempo, le fasi ascendenti e discendenti di ogni associazione .

L’importanza della storia, della tradizione, ma soprattutto di esserci nel presente per progettare un futuro.

Tutto questo con lo stile che da sempre caratterizza l’Ac e cioè che niente è incentrato in una o due persone ma condiviso nelle responsabilità di tutti. Anche noi nella nostra associazione parrocchiale ci siamo detti che dobbiamo essere capaci di costruire un tessuto che duri in tutte le stagioni, che sia una presenza continuativa. Per fare questo abbiamo trovato necessario di avere momenti specifici di formazione, soprattutto spirituale, appuntamenti semplici, appuntamenti nostri, appuntamenti interparrocchiali e diocesani. Essere capaci di costruire legami nel nome del Signore. Il Vangelo di questa domenica racconta l’incontro di Giovanni il Battista con Gesù e sottolinea il fatto che Giovanni non lo riconosce. Noi di AC riconosciamo Gesù nella vita che ci viene incontro? Ci siamo chiesti quindi se riconosciamo di cosa c’è bisogno nella nostra vita per accogliere Gesù che ci viene incontro e testimoniarlo agli altri. Ci siamo detti anche che l’impegno costa sacrificio, parola che al primo impatto può sembrare brutta, ma  abbiamo riconosciuto poi che questo viene ripagato.

Abbiamo proseguito la nostra giornata a Messa dove Laura, invitata da don Sergio, ci ha aiutati a riflettere sul brano di Vangelo e successivamente abbiamo ricevuto benedizione e mandato dal parroco davanti alla comunità.

Infine, per concludere, siamo andati a pranzo insieme per continuare a raccontarci la vita bella del Vangelo!

La nostra AC parrocchiale è presente nella comunità in modo silenzioso e discreto, vive all’interno della parrocchia prestando il proprio servizio dove richiesto. Abbiamo un appuntamento di gruppo per ritrovarci insieme nella Messa feriale una volta al mese.

Un appuntamento molto importante, che è anche il nostro fiore all’occhiello, è l’incontro interparrocchiale “LE DONNE PRENDONO LA PAROLA” condiviso da due anni con le AC di Bellocchi e Fenile.

Per vivere anche in parrocchia la scadenza dell’anniversario dei 150 anni avremo un appuntamento apposito per raccontare la nostra storia all’interno di questa BELLA STORIA, in quanto "siamo stati ma anche saremo" per quell’esserci nella Chiesa che tanto ci appartiene.



Commenti

Messaggio!

Non ci sono commenti

Lascia un commento